This publication is available only in Italian

Pre-Borsa

Published on 01.30.2015 08:28
Wall Street and Asia
Company Var% Comment
Abbott Laboratories 4.26
Nel quarto trimestre il leader mondiale degli stent cardiaci ha battuto le attese degli analisti grazie all'ottimo andamento delle vendite nei mercati emergenti. L'utile per azione registrato è stato di 71 centesimi contro i 69 attesi, mentre le vendite sono cresciute del 5.6% a 5.36 miliardi.
Alibaba Group Holding Ltd. -8.78
Il colosso cinese dell'e-commerce ha deluso il mercato con una trimestrale al di sotto delle attese, principalmente a causa dei forti costi per incrementare la presenza sui dispositivi mobili. Nel terzo trimestre i ricavi si sono attestati a 26.2 miliardi di yuan, contro le attese a 27.6. L'utile netto é crollato del 28% a 5.98 miliardi, ben 2.82 miliardi sotto le previsioni.
Amazon.com Inc. 2.59
Il sito di e-commerce, il cui giro d'affari per un terzo viene registrato negli ultimi tre mesi dell'anno, ha pubblicato una trimestrale molto convincente grazie al buon andamento delle vendite negli USA nel periodo cruciale delle festività natalizie. I profitti per azione si sono attestati a 45 centesimi, contro i 17 centesimi attesi dagli analisti, con un giro d'affari in crescita del 15% a 29.3 miliardi di dollari, grossomodo in linea con le attese.
ConocoPhillips 0.38
La terza compagnia petrolifera degli USA ha chiuso il quarto trimeste con la prima perdita dal 2008, colpita dal crollo dei prezzi del petrolio. La perdita ammonta a 39 milioni di dollari, o 3 centesimi di dollaro. Al netto di alcune poste straordinarie, la compagnia ha registrato un profitto di 60 centesimi ad azione, 2 centesimi più delle attese. I ricavi sono crollati del 15% a 11.2 miliardi.
Dow Chemical Co. 4.6
Il leader statunitense della chimica ha chiuso il quarto trimestre dello scorso anno con profitti netti per azione pari a 85 centesimi, ben 15 centesimi oltre le attese di mercato, grazie al deciso miglioramento dei margini della divisione plastiche in seguito al marcato calo dei prezzi di petrolio e gas naturale.
EMC Corp. -0.75
Il produttore di computers per lo storage prevede che per il 2015 profitti e vendite saranno colpiti dal dollaro forte, attestandosi rispettivamente a 1.98 dollari per azione e 26.1 miliardi, deludendo le attese degli analisti che stimavano 2.13 dollari e 26.3 miliardi. Per il trimestre appena concluso i ricavi sono cresciuti del 5.5% a 7.05 miliardi per un utile ad azione di 69 centesimi. Gli analisti prevedevano 68 centesimi per vendite a 7.1 miliardi.
Ford Motor Co. 2.7
Trimestrale superiore alle attese quella della casa di Dearborn, che negli ultimi tre mesi del 2014 ha registrato un utile, al netto di poste straordinarie, di 26 centesimi ad azione, contro i 22 stimati. Per l'intero 2014 Ford ha ottenuto un profitto di 6.3 miliardi.
Google Inc. 0.16
Il famoso motore di ricerca ha deluso i mercati con una trimestrale al di sotto delle attese a causa della maggiore competizione portata dai dispositivi mobili nella pubblicità online. I ricavi sono cresciuti del 6.9% a 14.5 miliardi di dollari, contro attese a 14.7 miliardi, mentre l'utile netto é cresciuto del 41% a 4.76 milardi, o 6.88 dollari ad azione, contro attese a 7.11 dollari.
Phillips 66 3.09
Il primo raffinatore di petrolio degli Stati Uniti ha chiuso il quarto trimestre con un balzo degli utili grazie all'aumento dei margini derivante dal calo dei prezzi del petrolio. L'utile netto per azione è cresciuto a 1.63 dollari, contro gli 1.41 attesi, a 1.15 miliardi di dollari dai precedenti 826 milioni di dollari.
Raytheon Co. -2.46
Nel quarto trimestre del 2014 il numero uno al mondo nella produzione di missili ha registrato un incremento del 4./% nelle vendite a 6.14 miliardi, contro attese a 6.07 miliardi, per un utile ad azione di 1.86 dollari, previsti dagli analisti 1.80. Per l'anno corrente la società, la cui strategia era di controbilanciare i tagli al bilancio pubblico degli Stati Uniti puntando sull'estero, prevede un utlie per azione compreso tra 6.20 e 6.35 dollari, contro i 6.89 stimati dagli analisti, a causa dell'effetto del rafforzamento del biglietto verde.
Visa Inc. 0.67
Il numero uno mondiale delle carte di credito ha chiuso il primo trimeste fiscale con profitti superiori alle attese grazie all'incremento della spesa media per cliente. L'utile netto è cresciuto del 12% a 1.57 miliardi di dollari, pari a 2.53 dollari ad azione, contro attese a 2.49 dollari. I ricavi sono saliti del 7.2% a 3.38 miliardi. La società ha inoltre comunicato che a partire dal 19 marzo sarà effettivo lo split 4 per uno sul titolo.
Nikkei 225 0.39
La Borsa di Tokyo ha chiuso sopra la parità l'ultima seduta della settimana limando i robusti guadagni iniziali in scia al rafforzamento dello yen ed alla pessima performance registrata dal titolo Softbank Corp. (-3.37%) in seguito all'annuncio di voler offrire offerte scontate per la clientela broadband.
European Morning News
Company Comment
BT Group Plc
Il leader britannico della telefonia fissa ha chiuso il terzo trimestre con un Ebtda in rialzo del 2% a 1.57 miliardi di sterline, contro gli 1.56 attesi dagli analisti, sebbene i ricavi siano calati del 2.7% a 4.48 miliardi. Nel corso dei tre mesi sono stati conclusi 119'000 nuovi contratti broadband, attratti dall'offerta di visione gratuita di calcio e rugby.
Comment

Wall Street chiude in rialzo una seduta passata all’insegna dell'incertezza. Il mercato ha deciso di ignorare alcune trimestrali deludenti come quelle di Alibaba e Qualcomm e ha preferito concentrarsi su Boeing (i cui conti hanno centrato le stime) e McDonald’s (che cambia a.d., +5,1%). Nel finale: Dow Jones +1,31%, Nasdaq Composite +0,98%, mentre l’S&P 500 fa +0,94%. Dal fronte macro, i compromessi su case esistenti sono inaspettatamente scesi a dicembre ma le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione sono calate più delle stime sui minimi di quasi 15 anni. Gli energetici hanno ridotto i cali grazie al rimbalzo del greggio ritornato sopra la soglia di 44 dollari al barile. Gli ultimi risultati fiscali di Alibaba mettono in dubbio il rally del settore hi-tech. Bene invece fanno i titoli di Ford e di McDonald’s. La casa automobilistica ha registrato conti convincenti. La catena di ristoranti viene premiata per il cambio dei vertici manageriali. Steve Easterbrook, veterano del gruppo, prende il posto di Don Thompson, che è stato per tre anni alla guida. In rialzo anche Dow Chemical, i cui utili sono risultati superiori alle stime. Facebook, che ha comunicato il bilancio ieri a mercati chiusi, ha registrato utili quasi raddoppiati nell'ultimo trimestre fiscale. Nei mercati sta tornando la propensione al rischio: mentre l’azionario recupera quota con il greggio i Treasury ampliano le perdite, cosa che spinge i rendimenti sui massimi intraday. Il tutto avviene alla vigilia della prima lettura del Pil americano relativo al quarto trimestre 2014. Il rendimento del decennale ora si trova all’1,778%.

In Europa questa mattina le principali piazze finanziarie dovrebbero aprire le contrattazioni con il segno più.


Contact
Sales Desk Securities
Tel.  + 41 91 800 42 32
advisory.desk@corner.ch